Nuova collaborazione Casa della poesia e il Fatto Quotidiano
04/04/2011

cavallo-giancarlo Altro

Giancarlo Cavallo
Il poema occupa una centralità nello sviluppo della poetica di Cavallo. Con la Quadreria, infatti, si passa da una sorta di giovanil furore diffuso nella più sciolta e libera forma del poème en prose a una maturata considerazione della misura poematica capace di dare adeguato respiro e illustrazione alla materia. Scompare qui l’orizzonte geografico e poetico delle prime maniere di Giancarlo Cavallo, che riaffiora nel poemetto Le cale di Ascea con un necessario quanto felice appannamento dell’io poetico. Il verso, come detto, è breve, per lo più pennellato e d’intensa coloritura espressionista. C’è una straordinaria quanto inconsueta plasticità delle immagini sulla quale si fonda la forza evocativa della parola. L’altra materia fondante il tratto pittorico, la luce e il suo battere sulle immagini, si diffonde in un’assimilazione nella quale l’“occhio bramò/ una fedeltà minuziosa/ inseguendo/ la chimera del vero”. Il poeta è però ampiamente consapevole di come non sia questa la sede per riprodurre il vero (“che almeno sia chiaro/ che il quadro è quadro/ e che la vita è vita/ che la gente non creda/ all’arte/ dell’illusione e dell’apparenza” in Popolo e Re) ma nella sorpresa della luce riesce a “dar vita/ in forma di figura”, lontano dall’arte dell’illusione e dell’apparenza, a una riuscita sintonia tra parole e cose.
(...)
Di Alfonso Gatto sembra resistere in Giancarlo Cavallo la tensione morale della poesia come mostrano i poemetti Sarai Sarajevo e Poema a matita per Pier Paolo Pasolini. Plastici nel loro equilibrio formale, queste due opere offrono l’omaggio a due grandi poeti che, pur distanti tra loro, sono sentiti molto prossimi sul piano dell’etica della poesia: Izet Sarajlic e Pier Paolo Pasolini. Se il primo viene ricordato nella sua integrità e forza davanti al dolore della tragedia dell’assedio di Sarajevo (“Ti saluto poeta che non hai saputo odiare”) il secondo è visto come guida tardivamente riscoperta “da me che non sempre t’ho condiviso/ da me che spesso non ti ho compreso” recita il nostro in una sorta di mea culpa. Ambedue sembrano da adesso vestire i panni di numi con i quali Cavallo vuole ora accompagnarsi “perché la Storia non è mai finita” e la poesia può e deve trovare le risposte più appropriate all’uomo e alla sua storia.

Francesco Napoli

dall'introduzione al volume Giancarlo Cavallo, "Quadreria dell'Accademia e altre poesie", Multimedia Edizioni, 2007.
Ma alla fine la vera biografia dei poeti sono i loro versi, quello che lasciano all’occhio dei lettori e poco aggiunge sapere che Giancarlo Cavallo è nato nel 1955 a Salerno, che lì da sempre vive, che ha un unico amore e un unico figlio e che poco ha fatto in campo letterario: “Poema Robinson” (1982), “Lo stato dei luoghi” (1993), “Santa Maria de Alimundo” (1994), “Oltre le terre emerse” (1996), “Breviario dell’avventuriero” (2000), “Quadreria dell’Accademia e...
La biblioteca in riva al mare Giancarlo Cavallo
La biblioteca in riva al mare 2017 Poesia come pane
Quadreria dell'Accademia e altre poesie
Quadreria dell'Accademia e altre poesie 2008 120 Poesia come pane
Lo stato dei luoghi 1993 20 Percorsi