Nuova collaborazione Casa della poesia e il Fatto Quotidiano
04/04/2011

il-sangue-intorno-al-cuore-sarah-menefee Introduzione

Il sangue intorno al cuore Una concisa, immaginifica raccolta di poesie legata da una storia a tema che tratta della vita nelle strade. Le poesie di Sarah Menefee impongono la riflessione e sono profondamente commoventi poiché pongono l'intimo all'interno dello spoglio paesaggio sociale e dell'essere senza casa e del bisogno. Al centro del testo c'è il cuore umano, le voci dell'"io" e dell'"altro".
il-sangue-intorno-al-cuore
Il sangue intorno al cuore 1994 88 – 86203 – 06 – 3 88 Altre Americhe Bruno Gullì Bruno Gulli
10,00 €
Comprami
e Leggimi
"Il sangue intorno al cuore" è una concisa, immaginifica raccolta di poesie legata da una storia a tema che tratta della vita nelle strade. Le poesie di Sarah Menefee impongono la riflessione e sono profondamente commoventi poiché pongono l'intimo all'interno dello spoglio paesaggio sociale e dell'essere senza casa e del bisogno. Al centro del testo c'è il cuore umano, le voci dell'"io" e dell'"altro".
Le poesie di Menefee sono legate alla terra ed umanamente reali. Sono politiche nel senso più profondo; offrono attenzione, emozione e sostegno alla vita stessa.
"Molti ancora in Italia pensano che la Beat Generation rappresenti il fenomeno più vitale della cultura degli Stati Uniti. Invece la Beat Generation è morta. In ogni caso, non ha più nulla da dire.
Già la traduzione di due libri di Jack Hirschman ("Quello che conta" per la Mongolfiera di Bologna e "Soglia Infinita" per la Multimedia edizioni di Salerno) voleva proporre al lettore italiano una base più autentica di riflessione poetica e un'esperienza più complessa e dolorosa, però chiaramente rivoluzionaria, della realtà statunitense.
"Il sangue intorno al cuore" di Sarah Menefee si inserisce in questa stessa linea di chiarificazione e di apporfondimento. Con questo libro il lettore è in grado di accostarsi, io credo, ai microcosmi di oppressione, violenza e miseria su cui poggia il grande impero. La parola di Sarah Menefee nasce dai non-luoghi formali del vivere politico e sociale. Anzi, del vivere in quanto tale, cioè della vita di tutti i giorni. È questa, la cinica rappresentazione del nostro (cioè, non unicamente americano) vivere distopico, l'essenza della poesia di Sarah Menefee, dove si traduce il suo assiduo lavoro rivoluzionario. (...)"

Bruno Gullì