Nuovo sito per Casa della poesia. Cosa ne pensate? Inviateci un feedback
04/04/2011

26/02/2018 IL SAPORE DELLA CILIEGIA di Abbas Kiarostami a Casa della poesia

abbas-kiarostami11
IL SAPORE DELLA CILIEGIA di Abbas Kiarostami a Casa della poesia 26/02/2018

Lunedì 26 febbraio, alle ore 20,30, a Casa della poesia (via Convento 21/a, Baronissi) per il ciclo "visioni d'autore", "IL SAPORE DELLA CILIEGIA" capolavoro di Abbas Kiarostami (Palma d'oro al Festival di Cannes,1997) grande regista iraniano scomparso nel 2016. Mentre ci chiediamo se la vita sia un dono, un dovere o una scelta, siamo al cospetto di pura poesia. Vi aspettiamo!
_________________________

Iran, periferia sterrata e polverosa di Teheran. Un uomo gira con la sua automobile alla ricerca di qualcuno disposto, dietro compenso, a fare un lavoro per lui. I primi tentativi vanno a vuoto. Poi incontra un ragazzino curdo, nell'esercito per racimolare un po' di soldi, e lo conduce davanti a una grosso buca. Il compito è quello di tornare lì la mattina successiva e chiamarlo due volte. Se non risponde, il ragazzo, aiutato da una pala, dovrà coprire il suo corpo con la terra. È un film asciutto e rigoroso quello diretto da Abbas Kiarostami, che esige una visione impegnata. Un film con cui il cineasta iraniano si è aggiudicato la Palma d'Oro al Festival di Cannes e che è considerato da molti il suo capolavoro. Un film all'apparenza semplice, dall'intreccio esile, essenziale, ma in realtà profondamente complesso. Perché chiama in causa interrogativi esistenziali ed etici che sono antichi tanto quanto lo è la vita dell'uomo su questa Terra. Riflette sul suicidio Kiarostami e lo fa nella maniera che gli è più congeniale, con quello stile intriso di spoglio realismo e al contempo denso simbolismo. Così, mentre la macchina da presa pedina il signor Badii, che ha deciso di uccidersi ma cerca qualcuno disposto a spingerlo - o salvarlo - il regista solleva questioni che implicano riflessioni di matrice filosofica, e anche religiosa se vogliamo. Ma lo sguardo del cineasta, nel religiosissimo Iran, parte da una prospettiva chiaramente laica e di conseguenza non impone soluzioni dogmatiche precostituite. Ispira un profondo senso di libertà il peregrinare di quest'uomo taciturno che fa gli incontri più disparati, tutti simbolo di un'Iran che, nonostante le agitazioni interne, accoglie a suo modo gli ultimi reduci di guerre più sanguinose, dal Kurdistan all'Afghanistan. Ma non è di politica che si interessa Badii, la cui vita sembra girare a vuoto, proprio come l'auto sulla quale viaggia alla ricerca di umana empatia. Una ricerca disperata, eppure stranamente calma, di qualcuno che lo convinca del perché la sua vita - di cui non conosciamo assolutamente nulla - sia o non sia così dannatamente meritevole di essere vissuta. Ancora una volta, come spesso accade nei film del maestro iraniano, mentre ci chiediamo se la vita sia un dono, un dovere o una scelta, siamo al cospetto di pura poesia, espressa in maniera metaforica, tra le pieghe del rigore di un paesaggio scarno, arido, respingente, scavato dalle ruspe e attraversato soltanto dai camion, che vi si recano per seppellire la fine o costruire un nuovo inizio. Ma, in mezzo a tanta asprezza visiva, compare improvvisa la semplice genuinità di un sapore, appena evocato, quello della ciliegia naturalmente. Che può cambiare il corso di una vita.
______________________________

IL SAPORE DELLA CILIEGIA
di Abbas Kiarostami
colore, 98 min., Iran, 1997

INGRESSO LIBERO
 
 
Casa della poesia
Via Convento 21/a
Baronissi (SA)

Info: 3476275911