Nuova collaborazione Casa della poesia e il Fatto Quotidiano
04/04/2011

12/03/2018 "Primavera estate autunno inverno e ancora primavera" di Kim Ki-Duk a Casa della poesia

02977702
"Primavera estate autunno inverno e ancora primavera" di Kim Ki-Duk a Casa della poesia 12/03/2018

Lunedì 12 marzo, alle ore 20,30 a Casa della poesia (via Convento 21/a, Baronissi) per il ciclo "visioni d'autore" sarà proiettato il flm di Kim Ki-Duk, "Primavera estate autunno inverno e ancora primavera", bellissimo film del 2003 del regista sud-coreano. Vi aspettiamo!
_______________________________

In un piccolo monastero coreano, posto su un laghetto circondato dalle montagne, un bambino apprende dal suo vecchio maestro la dottrina buddhista. Dopo qualche anno, l'allievo sperimenta l'amore e fugge dal tempio. Ma la vita al di fuori del monastero per lui si rivela un inferno quindi decide di tornare indietro e seguire il suo percorso spirituale...

Nelle note di regia scrive Kim Ki-Duk: "Ho voluto tracciare un ritratto delle gioie, delle rabbie, dei dolori e dei piaceri che segnano le nostre vite, attraverso la vita di un monaco che vive in un tempio a Jusan Pond, circondato soltanto dalla natura. Cinque storie del Monaco bambino, del Monaco adolescente, del Monaco adulto, del Monaco anziano e del Monaco vecchio coesistono con le immagini delle diverse stagioni. Ho voluto così affrontare il tema delle qualità che cambiano negli esseri umani, il senso della maturità nelle nostre vite, la crudeltà dell'innocenza, l'ossessione nei desideri, il dolore nei propositi omicidi e l'emancipazione nella lotta"."

"Al di là di tutti i più radicati pregiudizi e le anche fondate convinzioni su che cosa sia il cinema e che cosa non lo sia, un film da godere dall'inizio alla fine." (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 19 giugno 2004)

" A raccontarlo si direbbe un giallo di taglio moraleggiante. Invece è un film magnifico e sconcertante, semplice e grandioso come il suo titolo circolare, 'Primavera, estate, autunno, inverno... e ancora primavera'. Salutato all'ultimo festival di Locarno con una vera ovazione che sembrava annunciare un premio (purtroppo negato) al coreano Kim Ki-duk, regista e anche attore nel piccolo ma atletico ruolo del monaco adulto che negli ultimi episodi affronta le prove più impervie. Fondendo padronanza del corpo e dello spirito in un unico itinerario sapienziale. (...) Si potrebbe dire che il film ha l'andatura obliqua e impagabile di certe parabole Zen, purché sia chiaro che Kim Ki-Duk traduce il sapore di quell'insegnamento in cinema. E cioè in ritmo, luce, colori, aspra tensione visiva e narrativa. Creata con un rigore e un'adesione personale esaltati dall'impervia bellezza dei luoghi. Chi già conosce il suo cinema spesso crudele ("L'isola", "Bad Guy") resterà sorpreso dalla svolta. Gli altri si affrettino a scoprire uno dei grandi talenti contemporanei, singolare come il suo percorso di autodidatta, ex-operaio, ex-marinaio, monaco mancato, arrivato al cinema ben oltre i trent'anni dopo aver studiato Arte a Parigi." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 11 giugno 2004)

"È raro che il cinema coreano deluda. Lo riconferma oggi questo film pieno di fascino che cita nel titolo tutte e quattro le stagioni, ricominciando, dopo l'inverno, con la primavera. Per indicare - filosoficamente e religiosamente - non solo il ciclo della vita collegato con quello delle stagioni, ma il suo ripetersi all'infinito: senza interruzioni. (...) La natura come simbolo ma anche come rappresentazione perché Kim Ki-Duk, uno degli autori coreani più apprezzati, pur ricorrendo di continuo a simboli Zen e a metafore poetiche, è sui modi con cui ha portato la sua storia sullo schermo che ha puntato tutte le sue ricerche linguistiche. Non solo il cambiamento dei colori via via che trascorrono le stagioni, ma la cornice in mezzo al lago di quell'eremo che, ad ogni pagina, raggiunge la pittura. Con composizioni ora geometriche ora invece effuse e sfumate cui fanno da riscontro i gesti dei personaggi, fissati sullo schermo quando con accenti distaccati e ieratici, quanto con atteggiamenti quotidiani: sempre estranei, però, all'idea di una cronaca. Mentre i ritmi - narrativi e drammatici. Sembrano sospendersi fuori dal tempo, anche quando, ora solenni ora dimessi, lo scandiscono e delle musiche molto più vicine al sacro che non al profano sottolineano ogni scena arrivando, in più momenti, a svelarne i più riposti segreti; anche oltre, perciò, i significati apparenti." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 11 giugno 2004)

Primavera estate autunno inverno e ancora primavera
di Kim Ki-Duk
2004, colore, 103 min.


INGRESSO LIBERO

Casa della poesia
Via Convento 21/a
Baronissi (SA)

Info: 3476275911