Nuovo sito per Casa della poesia. Cosa ne pensate? Inviateci un feedback
04/04/2011

Vesna Ljubic. Retrospettiva Teatro A. Genovesi e Casa della poesia

vesnamanifesto-2137247264-jpg
Vesna Ljubic. Retrospettiva Teatro A. Genovesi e Casa della poesia 15/04/2013 Programma
15 aprile 2013
ore 20,30
Teatro "A. Genovesi"
Via Principessa Sichelgaita 12, Salerno
Ecce homo
(1994, 30 min)
Rapsodia bosniaca ai margini della scienza
(2011, 50 min.)
16 aprile 2013
ore 20,30
Teatro "A. Genovesi"
Via Principessa Sichelgaita 12, Salerno
Illusionisti
(!991, 20 min.)
Adio Kerida
(2001, 55 min.)
17 aprile 2013
ore 20,30
Casa della poesia
via Convento 21/A, Baronissi
Incontro e festa con Vesna Ljubic
L'ultimo deviatore della ferrovia a scartamento ridotto
(1987, 90 min.)
Nei giorni 15 e 16 aprile, alle ore 20,30, al Teatro "A. Genovesi" di Via Principessa Sichelgaita, 12, a Salerno, grande evento, con una retrospettiva di Vesna Ljubić.
La grande regista di Sarajevo sarà presente e ci aiuterà a viaggiare nei suoi film e nella storia dei Balcani.
Il giorno 17 aprile, sempre alle ore 20,30, nella sede di Casa della poesia (Baronissi, Via Convento 21A) un incontro con la regista. Sarà l'occasione
per una piccola festa con gli "Amici di Casa della poesia", per discutere con Vesna Ljubic, per ringraziarla della sua venuta in Italia.
L'intera manifestazione è organizzata da Casa della poesia, con il Comune di Salerno (Assessorato alla Cultura e all'Università), l'Università degli Studi
di Salerno (Dipartimento di Studi Umanistici e Dipartimento di Scienze del Patrimonio culturale).
Cinque i film di Vesna Ljubić, proiettati per la prima volta in Italia e tradotti per l'occasione: "L'ultimo deviatore della ferrovia a scartamento ridotto"
(1987). "Illusionisti" (1991), "Ecce Homo" (1994), "Adio Kerida" (2001), "Rapsodia Bosniaca ai margini della scienza" (2011).
Gli incontri universitari saranno organizzati nelle mattinate dei giorni 9, 10, 11 aprile.
Si ringraziano per la collaborazione la Compagnia dell'Eclisse, il Liceo Scientifico "Da Vinci" e l'Istituto Tecnico "A. Genovesi".
INGRESSO LIBERO
Parcheggio
VESNA LJUBIC
BIOGRAFIA


La cineasta Vesna Ljubic è nata a Sarajevo, Bosnia, dove ha frequentato la scuola superiore e dove continua a vivere e lavorare. Laureata in Arte
presso il Dipartimento diFilosofia dell'Università di Sarajevo, ha studiato regia cinematografica al Centro Sperimentale di Roma e alla RAI. Nei primi
anni ’70 ha lavorato come assistente di Federico Fellini.
A Roma, Vesna ha realizzato un cortometraggio "Journey", e il documentario "Death is paid off through living". Tornata a Sarajevo, ha prodotto una
serie di film documentari e "Simcha", un film per la televisione sulla vita degli ebrei a Sarajevo, proclamato miglior film televisivo dell'anno, e
acquistatoda numerose reti televisive europee.
Nel 1980, Vesna Ljubic haricevuto il premio nazionale della Bosnia-Erzegovina per la sceneggiatura di "The Defiant Delta", il suo primo
lungometraggio.
Nel 1987, il secondo film di Vesna Ljubic, "L’ultimo deviatore della ferrovia a scartamento ridotto", ha vinto il primo premio per la migliore
sceneggiatura al Concorso Nazionale della Bosnia-Erzegovina. È stato presentato in diversi festival cinematografici e al Festival Internazionale del
Cinema di New Delhi nel mese di febbraio, 1987. Il film racconta della fine di un'epoca, e della trasformazione della società attraverso le nuove linee
ferroviarie.
Nel 1991, Vesna haprodotto "Gli illusionisti," un film della durata di trenta minuti per il quale ha ricevuto il premio come miglior regista al Festival di
Belgrado. "Gli illusionisti" inoltre è comparso più tardi nella selezione ufficiale del Festival Internazionale del Cinema di Bombay. La Ljubic segue la
vita di una famiglia di artisti girovaghi che si esibisce in poveri numeri di magia.
Prima dello scoppio dellaguerra in Bosnia-Erzegovina, Vesna ha visitato l'India, dove ha diretto e prodotto quattro film documentari e una serie in
tre parti per la televisione. Purtroppo, al suo ritorno a Sarajevo, la sua casa è stata colpita da un colpo di mortaio e una parte significativa del
materiale registrato è stato distrutto dal fuoco. Poco dopo, anche lo studio cinematografico di Sarajevo a Jagomir èstato bombardato e bruciato,
insieme con il materiale completo che vi era conservato.
Il suo film più famoso è il documentario del 1994, intitolato “Ecce Homo", girato nella Sarajevo sotto assedio. Una straordinaria testimonianza e un
atto d’amore per la sua città martirizzata. Per due anni la Ljubic ha raccolto una serie di ritratti dipersone che vivono e muoiono insieme a Sarajevo,
dove lei stessa è rimasta per tutta la guerra.
Questo film è stato proiettato in quasi tutti i festival più importanti in Europa, e ha ricevuto una serie di riconoscimenti: Venezia 1994, Berlino 1994,
Amsterdam 1994, Cretey (Parigi) 1995. A Washington DC il film ha aperto la Conferenza di pace mondiale del 1994, e a Chicago i Dialoghi
internazionali sulla Bosnia. Il film ha ottenuto una ottima ricezione alla Seconda Conferenza Internazionale sui Film Documentari a Los Angeles nel
1995, che si tiene presso l'Accademia di MotionPicture Arts.
“Adio Kerida” del 2001 è invece la storia allegra e un po’ ironica di un americano che cerca le sue radici inBosnia, in un un'epoca in cui tutti in Bosnia
cercano di andare in America. Questo giovane, di origini ebraico polacche - i cui antenati arrivarono in America tre generazioni fa - è alla ricerca delle
tracce del suo prozio che nella prima parte del 20 ° secolo, in fuga dalla Polonia, va a Sarajevo. Armato solo di una fotografia ingiallita e pochi
scampoli di informazioni sul suo prozio, incontra gli ultimi esponenti delle comunità sefardite. Questo intero film è un inusuale tributo alla Spagna,
da cui furono espulsi 500 anni fa. Per tutti coloro che hanno partecipato a questa ricerca, la Spagna è "Kerida": amata, e non hanno mai dimenticato
la loro patria. Come ricordo della Spagna hanno, come su una qualche isola, conservato le loro tradizioni, il loro linguaggio, e le canzoni ladino
sefardite che hanno portato dalla lontana Andalusia.
In “Rapsodia bosniaca ai margini della scienza” del 2011, la Ljubic ci racconta dei Ljekaruše [Erbari], i libri di riferimento della medicina popolare che
si ritrovano in tutti e quattro i gruppi etnici che vivono in Bosnia-Erzegovina, e che hanno sempre contenuto elementi di religione, magia, misticismo
e demonismo. Le malattie per le quali le persone sono state trattate per secoli, sono sempre state un riflesso delle condizioni della società in cui
vivevano.
Attraverso la storia dei Ljekaruše che sono stati tramandati da una generazione all'altra come parte della tradizione cristiana, islamica ed ebraica, il
film getta uno sguardo più da vicino alla attuale Bosnia-Erzegovina del dopoguerra e alle malattie che affliggono attualmente l'intera comunità.
Perdute, ingannate, senza speranza, espulse con la forza dalle loro case, le persone senza eccezioni e a prescindere dalla loro etnia si sentono
sradicate e depresse.
Sensibili allamanipolazione da parte di politica e religione, sono diventate sempre più scettiche nei confronti di false promesse di una vita migliore, di
uguaglianza,e del ritorno a una società multietnica.
Vesna Ljubic continua a lavorare come redattore di programmi teatrali e documentari per la radio-televisione della Bosnia-Erzegovina.