Nuova collaborazione Casa della poesia e il Fatto Quotidiano
04/04/2011

quello-che-conta-jack-hirschman Introduzione

Quello che conta La ristampa (aggiornata e revisionata) del primo volume pubblicato in Italia nel 1990 da Jack Hirschman. Poesie degli anni Ottanta, per immergersi in anni di lotte, contrapposizioni, ideali e speranze, vità comunitaria, propaganda e certezza che attraverso la poesia si possa, se non cambiare il mondo, intervenire, partecipare, denunciare, raccontare.
31950300-10213609640570207-6112603880938274816-n
Quello che conta 2018 978-88-86203-85-2 208 Altre Americhe Casa della poesia Bruno Gullì e Raffaella Marzano
15,00 €
Comprami
e Leggimi
I cani galoppanti del capitalismo hanno molto da temere dal modulato abbaiare di questo leviero di San Francisco che veste un colore rosso e attraversa la strada contro il semaforo. Jack Hirschman è uno dei poeti della seconda generazione beat che merita di essere ascoltato in ogni lingua e in ogni angolo di strada in America e in Italia.
- Lawrence Ferlinghetti
"Quello che conta" è rappresentativo di 5 anni di lavoro. Ed è la chiave per capire non solo la portata e la stabilità del quantitativamente immenso lavoro di Hirschman (oltre 50 libri pubblicati), ma anche la situazione politica oggettiva del paese più ricco del mondo che forza molti dei suoi figli a morire di fame e ancora più fame e guerra e atrocità procura a tantissima gente nel mondo. "Quello che conta" è il lavoro trasparente e lucido che coniuga la passione di Hirschman per la poesia e per
l’umanità e per la vita col tentativo di dare una descrizione razionale e oggettiva dei fatti; è un lavoro che mette insieme il lirismo di tono biblico della poesia “Madre” e i blues come “Parole in volo” e “Canzone della vecchia scarpa nera”, il realismo di “Punto di sale” e di “Le donne cinesi” con la descrizione simpatica di San Francisco come in “Ciao con quartiere attorno”.
- Bruno Gullì
(dalla prefazione all’edizione del 1990)