Nuovo sito per Casa della poesia. Cosa ne pensate? Inviateci un feedback
04/04/2011

il-sangue-intorno-al-cuore-sarah-menefee

il-sangue-intorno-al-cuore
Il sangue intorno al cuore 1994 88 Una concisa, immaginifica raccolta di poesie legata da una storia a tema che tratta della vita nelle strade. Le poesie di Sarah Menefee impongono la riflessione e sono profondamente commoventi poiché pongono l'intimo all'interno dello spoglio paesaggio sociale e dell'essere senza casa e del bisogno. Al centro del testo c'è il cuore umano, le voci dell'"io" e dell'"altro". 88 – 86203 – 06 – 3 Altre Americhe Bruno Gullì Bruno Gulli "Il sangue intorno al cuore" è una concisa, immaginifica raccolta di poesie legata da una storia a tema che tratta della vita nelle strade. Le poesie di Sarah Menefee impongono la riflessione e sono profondamente commoventi poiché pongono l'intimo all'interno dello spoglio paesaggio sociale e dell'essere senza casa e del bisogno. Al centro del testo c'è il cuore umano, le voci dell'"io" e dell'"altro".
Le poesie di Menefee sono legate alla terra ed umanamente reali. Sono politiche nel senso più profondo; offrono attenzione, emozione e sostegno alla vita stessa.
"Molti ancora in Italia pensano che la Beat Generation rappresenti il fenomeno più vitale della cultura degli Stati Uniti. Invece la Beat Generation è morta. In ogni caso, non ha più nulla da dire.
Già la traduzione di due libri di Jack Hirschman ("Quello che conta" per la Mongolfiera di Bologna e "Soglia Infinita" per la Multimedia edizioni di Salerno) voleva proporre al lettore italiano una base più autentica di riflessione poetica e un'esperienza più complessa e dolorosa, però chiaramente rivoluzionaria, della realtà statunitense.
"Il sangue intorno al cuore" di Sarah Menefee si inserisce in questa stessa linea di chiarificazione e di apporfondimento. Con questo libro il lettore è in grado di accostarsi, io credo, ai microcosmi di oppressione, violenza e miseria su cui poggia il grande impero. La parola di Sarah Menefee nasce dai non-luoghi formali del vivere politico e sociale. Anzi, del vivere in quanto tale, cioè della vita di tutti i giorni. È questa, la cinica rappresentazione del nostro (cioè, non unicamente americano) vivere distopico, l'essenza della poesia di Sarah Menefee, dove si traduce il suo assiduo lavoro rivoluzionario. (...)"

Bruno Gullì
*
per un attimo ho avuto un lampo di gratitudine per il mio cuore perché batte da sempre al di là del mio interesse o pensiero
Empedocle: perché il sangue intorno al cuore è pensiero umano

*
faccio il turno di notte all'obitorio. Sentendomi sola, apro una porta e parlo ai cadaveri che vedo distesi.

*
quanto ci vuole per un barlume del mondo tu che hai messo la spina dorsale
nella mia poesia i morti di Jonestown a bussarci intorno al cuore e tu a me sconosciuto quando i giorni si accorciarono in una nuvola d'autunno tu rimettevi parole feroci nella città
*
for just a moment I felt a flash of gratitude to my heart for beating all my life beyond my concern or thought
Empedocles: for the blood about the heart is human thought.

*
I'm working nights shift in a morgue. Feeling lonely, I open out a drawer and start to talk to the two stiffs laying on it.

*
how long it takes for a glimmering of the world you who put the spine
in my poemthe dead of Jonestown knocking about our heart and you
unknown to me when the days got shorter in an utumn cloud you were releasing fierce words into the city
Menefee Sarah
Sarah Menefee è nata a Chicago nel 1946, e scrive poesie da più di trent'anni pubblicando su giornali e riviste come Acts, Compages, Channel, Baltimore Sun, People's Tribune Volition, Left Curve, Real Fiction, Exit Zero, Gas, Working Classics, Worm in the Rain, Deluge, Beatitude, Conjunctions.
Membro del National Organizing Committee, corrispondente del "People's Tribune", è profondamente impegnata nel lavoro a favore degli homeless con gruppi e organizzazioni come la "San Francisco Union of the Homeless", la "Food Not Bombs" e la "Homeless Task Force" e partecipando all'organizzazione del giornale degli homeless di San Francisco, "Street Sheet".
Ha partecipato a molte azioni e campagne politiche (scioperi, occupazioni, azioni di disobbedienza civile e azioni di resistenza alle retate della polizia negli accampamenti di homeless. È stata portata in giudizio nel 1991 per aver dato cibo agli affamati "senza permesso" con il gruppo "Food Not Bomb", ma dopo sei mesi di campagna pubblica organizzata a suo favore le accuse sono state fatte cadere.
Attualmente Sarah Menefee vive a San Francisco dove lavora in una libreria e continua la sua opera nei movimenti culturali e politici a favore dei più poveri.
Il suo "Human Star" è stato pubblicato nel 2005 dalla Factory School.
Ha pubblicato con Multimedia Edizioni il bellissimo "Il sangue intorno al cuore" e il quaderno "Questa mano peritura".
10,00 €
Comprami
e Leggimi